• italiano
  • inglese
  • giapponese
  • francese
  • tedesco
  • spagnolo
  • cinese
  • russo
Piazza San Marco

La pizza più bella del mondo nella città più bella del mondo

Piazza San Marco, l’unica che a Venezia viene chiamata piazza, ( gli altri sono definiti campi) rappresenta il cuore pulsante ed il luogo simbolo di Venezia.

Considerata la più bella piazza del mondo, essa abbraccia i palazzi più importanti e i monumenti più belli dalla città lagunare: Palazzo Ducale, la Piazzetta, la Biblioteca Marciana, la Basilica di San Marco con il Maestoso campanile, le Procuratie Nouve, l’Ala Napoleonica, le Procuratie Vecchie, la Torre dell’Orologio, la Piazzetta dei Leoncini.

La sua forma trapezoidale, è il risultato di un lungo processo di cambiamenti della sua area nel corso dei secoli.

In antichità la sua area era adibita ad orto delle suore San Zaccaria ed era attraversata dal Rio Datario, iniziò a configurarsi a zona cittadina nel l’828 con la prima costruzione della Basilica di San Marco, che venne poi distrutta e ricostruita più volte fino all’edificazione dell’attuale Basilica negli anni 1050-1094, all’epoca vi scorreva ancora il Rio Datario che venne interrato successivamente nel 1156.

Nel 1172 sotto il doge Sebastiano Ziani, nella pizza furono eretti nuovi edifici: la chiesa di San Geminiano fu spostata al limitare della nuova piazza San Marco e furono inoltre erette le due enormi colonne fronteggianti il molo, come accesso all'area Marciana.

Nel 1204 grazie alla conquista di Costantinopoli, arrivarono a Venezia grandi quantità di marmi e opere d’arte che vennero utilizzati per decorare la piazza e la Basilica.

Nel 1264 venne fatta la pavimentazione a spina di pesce e successivamente tra il 1301 e il 1442 Palazzo ducale venne rivisitato fino a conferirgli l’aspetto attuale. Dal 1495 al 1517 sorgono le Procuratie Vecchie e la Torre dell’Orologio, Sansovino costruì la Libreri e la Soggetta presso il Campanile tra il 1536 e il 1540.

Tra il 1722 e 1723 vennero aggiunte le due statue dei Leoncini e Andrea Tiroli realizzò la pavimentazione in trachite e marmo bianco.

In fine per terminare il complesso dell’ area Marcianica nel 1807 venne demolita la chiesa di San Germiano ed al suo posto venne edificata l’Ala Napoleonica.

L’area monumentale di San Marco è suddivisa in tre zone:

la Piazza
che si sviluppa dalle Procuratie Vecchie e Nuove e quelle Nuovissime, fino al maestoso Campanile di San Marco.

la Piazzetta o Piazzetta San Marco
, che comprende il Palazzo Ducale e la Libreria Marcianana.

la Piazzetta dei Leoncini
davanti al Palazzo Patriarcale così chiamata per le due statue di leoni accovacciati.