• italiano
  • inglese
  • giapponese
  • francese
  • tedesco
  • spagnolo
  • cinese
  • russo

Mostra Internazionale d'arte cinematografica

Un tuffo nel passato, alla scoperta delle origini del primo festival del cinema internazionale. Questa prestigiosa manifestazione sul cinema, si svolge annualmente nella città di Venezia, presso l'elegante palazzo del cinema.

Ormai arrivata alla 66° edizione, il festival si svolge in occasione alla biennale di Venezia. E' una delle più rinomate manifestazioni nel campo cinematografico e tra i premi che la critica conferisce ai film in gara, il più importante è il "Leone d'Oro", simbolo della città e di piazza San Marco.

La prima Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia (chiamata 1a Esposizione Internazionale d'Arte Cinematografica) si svolse nel 1932 e più precisamente dal 6 al 21 agosto.

Il festival nasce da un'idea del conte Giuseppe Volpi di Misurata, presidente della Biennale di Venezia, dello scultore Antonio Maraini, segretario generale, e di Luciano De Feo, segretario generale dell'Istituto internazionale per il cinema educativo, che furono tutti d'accordo nello scegliere Venezia come sede della rassegna.

La prima rassegna si è svolta presso la terrazza dell’ hotel Excelsior del Lido di Venezia.

Cenni storici

6 agosto 1932

Proiezione del primo film della mostra, si tratta di Il dottor Jekyll (Dr. Jekyll and Mr. Hyde) di Rouben Mamoulian.

11 agosto 1932

Proiezione del primo film italiano, Gli uomini, che mascalzoni...di Mario Camerini. Ancora non esiste un giuria vera e propria e premi ufficiali, per questo per la votazione viene indetto un referendum dal comitato organizzatore tra il pubblico. Si tratta della prima esposizione competitiva, in cui i vari paesi partecipano con le proprie produzioni cinematografiche.

Nonostante il successo ottenuto, il festival rimane legato alla Biennale e si riproporrà due anni più tardi.

1935

Grazie al successo delle prime due edizioni, al prestigio dei registi e delle pellicole in gara, la manifestazione diventa annuale e continua ad essere sotto la sapiente guida di Ottavio Croze. 1937 Viene inaugurato il nuovo palazzo del cinema realizzato dall'architetto Luigi Quagliata, che rimarrà sede della mostra cinematografica, tranne negli anni dal 1940 al 1948.

1940-1941-1942

A causa della Seconda Guerra Mondiale le edizioni di questi anni vennero successivamente considerate non avvenute, infatti furono pochi i paesi a partecipare e tutti appartenenti all'asse Roma Berlino, dando vita ad un festival della propaganda più che dell'arte cinematografica.

1946

Con la fine del conflitto mondiale la manifestazione riprende il suo brio, questa volta sotto la direzione di Elio Zorzi.

La manifestazione non si svolge però al Palazzo del Cinema, requisito dagli alleati, ma presso il cinema di San Marco. Il festival, ritrovata la tranquillità dopo il conflitto mondiale, richiama grandissime personalità del mondo del cinema.

1947

La mostra del cinema viene spostata a Palazzo Ducale, ed ancora oggi viene ricordata come una delle edizioni che ebbero maggiore successo.

1949

Sotto la guida del nuovo responsabile Antonio Petrucci, il festival del cinema torna definitivamente alla sua sede originaria; il Palzzo del Cinema al Lido di Vendezia.

Viene istituito il Premio Leone di San Marco per il miglior film, vinto per la prima volta dal film Manon del regista Henri-Georges Clouzot.

Anni 50

Abbandonato il ricordo della guerra, il festival viene finalmente riconosciuto a livello internazionale, la vena sperimentale, e la grande voglia di novità, fanno si che in questo periodo si alternino diversi direttori: Antonio Petrucci dal 1949 al 1953, ancora Ottavio Croze dal 1954 al 1955, Floris Ammannati dal 1956 al 1959.

In questi anni Venezia promuove la produzione cinematografica di nuovi paesi ; il cinema giapponese, il cinema indiano e quello dell'est Europa, che con la loro produzione riscuotono un buon successo.

Questi sono gli anni in cui si affermano i grandi registi italiani come Luchino Visconti, e Michelangelo Antonioni.

1958

Si affermano in questo periodo i grandi attori delle storia del cinema italiano; Sofia Loren, Gina Lollobrigida, Alberto Sordi, Vittorio Gassman.

Anni 60

In questi anni si cercò di sviluppare e ampliare la mostra, così furono create delle sezioni nuove per diversificare l’offerta cinematografica.

In questo periodo si presentano al grande pubblico della mostra del cinema, giovani e talentuosi registi italiani, come Pier Paolo Pasolini, Bernardo Bertolucci, Paolo ed il fratello Vittorio Taviani e altri ancora.

1963-1968

La direzione passa nelle mani di Luigi Chiarini, che orienta la mostra del cinema verso un rinnovamento di forme e contenuti, prediligendo la qualità e la ricercatezza della produzione alla commercializzazione dell'industria cinematografica.

In questo periodo è il cinema italiano il vero protagonista della manifestazione, e proprio in questi anni nasco grandi attori come Marcello Mastroianni, Monica Vitti e Claudia Cardinale.

Con i movimenti sessantottini, non mancano condizionamenti e contestazioni nei confronti della manifestazione, dal 1969 al 1979 non furono assegnati premi, e successivamente alcune edizioni non vennero proprio realizzate (1973-1977-1978).

Dopo un decennio che vede la manifestazione attraversare un periodo buio, nel 1979, sotto la direzione di Carlo Lizzani, la mostra inizia a recuperare il suo prestigio internazionale e cambia il nome in "Mostra internazionale del Cinema".

1983

La direzione passa a Gian Luigi Rondi che dà maggiore spazio ai maestri del cinema del passato e del presente.

La giuria internazionale è ora composta solo da registi affermatisi negli anni '60.

1984

Nasce la Settimana internazionale della Critica

1988

Vengono create nuove sezioni: "Orizzonti", "Notte" ed "Eventi speciali".

Gli anni '90 vedono la mostra sotto la sapiente guida di Gillo Montecorvo, in questo periodo, la città di Venezia si afferma come capitale degli autori cinematografici, ritornano al lido grandi registi e attori del calibro di Jack Nicholson, Bruce Willis, Denzel Washington.

Il Lido ritorna ad essere popolato di giovani grazie alla numerose iniziative, eventi e concerti rock.

Dal 2000 la mostra gode di grande prestigio in tutto il mondo, ed ogni anno il cinema attende con grande interesse lo svolgimento della rassegna, che ormai richiama il grande pubblico e accoglie i più importanti attori e registi del panorama mondiale, che sfilano ogni anno sull'ormai famosissimo "red carpet".