• italiano
  • inglese
  • giapponese
  • francese
  • tedesco
  • spagnolo
  • cinese
  • russo
Russie! Arte russa del ‘900 dalle collezioni Morgante e Sandretti

Fino al 25 luglio 2010 Ca’ Foscari Esposizioni propone al grande pubblico una straordinaria mostra: Russie! Arte russa del ‘900 dalle collezioni Morgante e Sandretti. Un evento che, per la prima volta in Italia, rappresenta il Novecento russo, abbracciando un intero secolo, che ha visto la Russia coinvolta da grandi cambiamenti, sotto l’egida di importanti personaggi storici, prima gli Zar, poi Stalin e Putin. Le opere esposte appartengono a due tra le più prestigiose collezioni private al mondo, quella di Alberto Sandretti e Alberto Morgante, e mostrano come l’arte abbia ricoperto un ruolo fondamentale nella storia del paese, come mezzo di conservazione, di inganno, e di riconquista della libertà di pensiero e di linguaggio. Il percorso espositivo inizia con la cultura figurativa delle avanguardie russe e sovietiche, tratta poi il fenomeno mediatico del realismo socialista, che fece dell’arte uno strumento ideologico, attraverso il quale fare propaganda, creare un mito e celebrare il leader. Così negli anni ‘30-’50 l’arte totalitaria socialista era la voce dell’ideologia politica e contribuiva ad appoggiare e sponsorizzare il regime. Importante il rilievo è dato ai manifesti propagandistici di: Klucis , Majakovskij, Nal’bandjan, Rodčenko. Segue un’interessante area dedicata al simbolismo e alle avanguardie nate prima della rivoluzione, rappresentate da autori come Benois, Larionov, Končalovskij, Tatlin, Chagall, Fal’k, Gončarova, Ekster, Kandinskij, Malevič, che produssero opere straordinarie, che per anni Stalin tentò di nascondere al pubblico.Sarà possibile visitare una sezione che ripropone ventisei opere dell’underground russo, esposte alla Biennale del Dissenso a Venezia nel 1977. Il percorso espositivo si conclude con i lavori di artisti degli anni ’90, che ben rappresentano le tematiche dell’esposizione, il ricordo delle avanguardie, l’inganno dell’arte totalitaria socialista e l’importanza della pittura non ufficiale sovietica.

Dal 22 aprile al 25 luglio 2010
Ca’ Foscari Esposizioni Dorsoduro, Venezia
Orario tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00
Martedì chiuso