• italiano
  • inglese
  • giapponese
  • francese
  • tedesco
  • spagnolo
  • cinese
  • russo
Zoran Music.Estreme figure - fino a marzo 2010

Fino al 7 marzo 2010 presso l’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, si terrà la mostra monografica dedicata al pittore sloveno Zoran Music ( Boccavizza, 12 febbraio 1909-Venezia 25 maggio 2005. Il pittore, esponente della scuola di Parigi, seguì gli studi di arte presso l’Accademia dell’Arte di Zagabria, e iniziò la sua carriera di artista viaggiando per il mondo, alla ricerca di nuove vibrazioni e ispirazioni. Durante la seconda guerra mondiale, visse il dramma della deportazione nel campo di Dachau e immortalò con la sua pittura l’incubo della prigionia, che lasciò nel suo animo un profonda commozione.Successivamente passò molti anni a Venezia e a Parigi, dove riscoprì la passione per i paesaggi, sia italiani, che della sua terra natia e si affermò con le sue opere, ricevendo prestigiosi riconoscimenti. Le sue opere vennero apprezzate a livello internazionale e ad oggi sono esposte in importanti musei. L’esposizione vuole celebrare questo grande artista, che ha saputo affermarsi con grande enfasi nel panorama artistico, pertanto l’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, propone 80 opere tra tele e oli, di cui alcune ancora inedite, che raccontano il viaggio del pittore nell’interpretazione della figura umana e dei paesaggi. I volti sfumati su tela, e dai linimenti poco definiti, esprimono grande intensità pur giocando su tinte monocromatiche, ogni posa assunta dai soggetti, trasmette emozioni decise e bene percettibili. L’esposizione propone un viaggio autentico alla scoperta del pensiero riflessivo di un ‘artista, che ha visto sui volti delle persone grande sofferenza, paura, e ha ricercato nei paesaggi a lui più familiari, la protezione ed il calore di chi, dopo lungo tempo, torna finalmente a casa. Con le sue opere Music ha saputo trasmettere in modo incisivo la sua percezione degli spazi circostanti e delle persone, attraverso la sua emozinante pittura.La mostra vuole essere un omaggio da parte della città di Venezia, ad un artista, che per tanto tempo, ha vissuto l’atmosfera della città lagunare e ha immortalato in vari occasioni le sue più importanti personalità.

Sede: Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Campo S. Stefano, 2945
Orario : tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00 (la biglietteria chiude mezzora prima) 25 dicembre chiuso; il 31 dicembre 10-14.00; il 1/01 14-18.00.