• italiano
  • inglese
  • giapponese
  • francese
  • tedesco
  • spagnolo
  • cinese
  • russo

Cambiare lavoro

Come affrontare un nuovo lavoro e tutti i cambiamenti che ne derivano, una situazione che spesso si ripete anche due o tre volte prima di riuscire a trovare una posizione definitiva.

Sempre più spesso ci si trova di fronte a situazioni lavorative precarie, che mettono il lavoratore nella condizione di dover cambiate spesso lavoro, e quindi di doversi riadattare ogni volta a nuovi ambienti, nuovi colleghi, e alla nuove competenze richieste.

Questa è una realtà lavorativa per molti flessibile, mobile e provvisoria, in cui il raggiungimento di un lavoro fisso e stabile è una meta che si conquista solo dopo svariati tentativi.

I colloqui

Quando si è alla ricerca di un nuovo lavoro, è ovvio che si debbano affrontare uno o più colloqui, utili sia al datore di lavoro, per capire se ci siano le credenziali giuste, ma anche al selezionato per definire con maggiore chiarezza, se il tipo di lavoro e il trattamento economico, siano in linea con le proprie aspettative.

Il colloquio è un moneto in cui lo scambio di informazioni ed impressioni tra candidato e selezionatore porta alla decisione finale, di assumere da una parte e di accettare dall'altra.

L'inizio di un nuovo lavoro

Aattarsi a nuove circostanze, muovere i passi in un ambiente che non si conosce e in cui i colleghi, almeno per i primi tempi, osservano il nuovo arrivato cercando di inquadrarlo, mettendo anche alla prova la sua disponibilità, le competenze.

È sempre bene essere cauti nell'approccio ad nuovo lavoro, mantenendo anche una certa diplomazia con i colleghi, prestando attenzione a non lasciarsi sfuggire pareri e giudizi.

Nnon bisogna sembrare presuntuosi, ma nemmeno insicuri, anzi è bene osservare le persone che ci circondano per capire cosa si aspettino da noi.