• italiano
  • inglese
  • giapponese
  • francese
  • tedesco
  • spagnolo
  • cinese
  • russo
GIACOMO FAVRETTO (1849 - 1887) Venezia, fascino e seduzione

Fino al 21 novembre 2010 l’affascinante sede di Museo Correr ospita una mostra dedicata ad un grande maestro dell’Ottocento italiano: Giacomo Favretto (1849 - 1887) Venezia, fascino e seduzione. L’esposizione per la prima volta dedicata a questo significativo protagonista dell’arte veneziana, ripercorre le tappe salienti del suo iter artistico, proponendo un corpus di ottanta opere tra conosciute ed inedite, e mettendole in relazione con i lavori di altri importanti autori della pittura veneta: Luigi Nono, Alessandro Milesi, Gulglielmo Ciadi, Ettore Tito ed altri. Giacomo Favretto ebbe una intense ma breve carriera artistica, che lo fece apprezzare enormemente, per aver rivisitato e arricchito gli aspetti principali della tradizione veneta, recuperandone le caratteristiche ed aggiungendo elementi innovativi. La mostra parte dalle premesse dell’Accademia delle Belle Arti di Venezia, ripercorrendo poi tutte le fasi più importanti, dai premi ottenuti all’Accademia di Brera, all’esperienza a Parigi nel 1878, che condizionò la produzione successiva con inedite atmosfere e sfumature espressive. L’area dedicata ai lavori più maturi degli anni Ottanta, è caratterizzata da opere realizzate ponendo l’ attenzione sulla vita veneziana, sui costumi e le mode dell’epoca, come si evince nella tela “Susanna e i due vecchi” e nell’opera “Lavandaie”, rimasta fino ad oggi inedita al grande pubblico. A concludere l’esposizione l’ultima opera del Favretto, rimasta incompiuta, a causa della sua precoce scomparsa, che l’artista stava realizzando nel 1887, durante la sua partecipazione all’Esposizione Nazionale di Venezia. L’arte di Favretto riscosse grande interesse nel pubblico, ispirando con i suoi temi e le suggestioni l’operato di diversi autori.

Dal 31 luglio al 21 novembre 2010
Museo Correr Piazza San Marco, Venezia
Orario 10,00-18,00 (biglietteria 10,00-17,00) fino al 31/10; dal 1/11 10,00-17,00 (biglietteria 10,00-16,00)