• italiano
  • inglese
  • giapponese
  • francese
  • tedesco
  • spagnolo
  • cinese
  • russo
Mapping the Studio: Artists from the François Pinault Collection

A seguito dell’ importante restauro di Punta Dogana effettuato dall’architetto giapponese Tadao Ando, su commissione di François Pinault, dopo trenta anni uno degli edifici simbolo di Venezia riapre finalmente le porte al grande pubblico. In occasione di questo grande evento, fino al 31 dicembre 2010, la François Pinault Foundation presenta una delle più importanti mostre di arte contemporanea Mapping the Studio: Artist from François Pinault Collection. L’esposizione si svolge in due sedi principali, negli spazi di Punta Dogana e presso Palazzo Grassi, dove accoglie 200 opere di 60 artisti provenienti da tutto il mondo. La mostra pone l’accento sull’instancabile spirito di ricerca e di studio degli artisti, che ha trovato comprensione e un’attenta considerazione da parte del collezionista, dando vita così ad un delle collezioni d’arte più prestigiose al mondo. In un dialogo sensibile tra realizzazione e profonda esitazione dell’arte in quanto tale, ha preso vita un’ intensa comunicazione, che ha portato a dialogare opere di artisti noti con creazioni di giovani emergenti. Infatti accanto ai capolavori contemporanei di Sigmar Polke, con i suoi raffinati lavori pittorici, Richard Prince con una delle sue inconfondibili tele scritte, Takashi Murakami con le sue opere fragorose e trepidanti di corpi sinuosi, Jake & Dinos Chapman con l’opera pullulante di piccoli uomini, è possibile ammirare le intense opere artistiche di giovani talenticome Matthew Day Jackson, Adel Abdessemed, Wilhelm Sasnal, Rob Pruitt, Richard Hughes, Nate Lowman, Mark Bradford, Kai Althoff.

Dal 6 giugno 2009 al 31 dicembre 2010
Mapping the Studio. Artists from the François Pinault Collection
a cura di Francesco Bonami e Alison M. Gingeras
Punta della Dogana
Dorsoduro, 2 (zona Salute) - 30173 Venezia
Palazzo Grassi
Salizzada San Samuele, 3231 - 30124 Venezia
Orario: da mercoledì a lunedì ore 10-19 (la biglietteria chiude un’ora prima)