• italiano
  • inglese
  • giapponese
  • francese
  • tedesco
  • spagnolo
  • cinese
  • russo

L'Opera

L'OPERA Si è parlato di lirica e cantanti lirici, ma non tutti sanno che cosa sia l'opera lirica… In questa sezione approfondiremo il tema per comprendere meglio questa nobile forma d'arte.

L'opera è costituita da:

LIBRETTO (parte scritta) e PARTITURA (parte musicale).

Il LIBRETTO è composto generalmente in versi, ed è scritto dal librettista: uno scrittore, un poeta o un coreografo. Molto spesso la vicenda narrata, viene ricavata da testi preesistenti, come le favole pastorali (Orfeo di Monteverdi), drammi a carattere storico (Lucia di Lammermoor di Donizetti), opere teatrali (Otello e Macbeth di Verdi), novelle e commedie (Cavalleria rusticana di Ma scagni).

In via generale, il compito del librettista non è quindi quello di creare ex novo un testo, ma rielaborare uno già esistente e far si che si adatti alla parte musicale. Il libretto è costituito da atti e scene.

Una scena è un'azione, un atto è una sequenza lunga e complessa di scene e conclude una parte della vicenda narrata.

La PARTITURA, è come abbiamo già detto la parte musicale di un melodramma, essa è costituita da un insieme di pagine pentagrammate in cui sono scritte le parti vocali e strumentali, separate su righi musicali diversi (uno per ciascuna voce e per ciascuno strumento e\o gruppo strumentale).

Un'opera lirica è composta dalle seguenti parti musicali: ouverture ARIE RECITATIVI E ARIOSI BRANI CORALI brani d'insieme brani strumentali e brani coreografici L'OUVERTURE L'ouverture o sinfonia d'opera, è la parte iniziale dell'opera ( ouverture = apertura) e serve ad introdurre gli spettatori nello spettacolo che sta per iniziare.

E' quasi un riassunto dell'opera, generalmente è solo strumentale e viene eseguita a sipario chiuso.

L'ARIA è un brano in genere cantato da un solista in cui il personaggio esprime i suoi sentimenti e descrive una situazione, o si presenta a commentare il fatto. Le arie sono suddivise in gruppi in base alla funzione che svolgono: Aria serenata: Generalmente viene eseguita dal tenore e rappresenta un canto d'amore alla donna amata.

Aria di comando: Generalmente è irruente, con un ritmo incalzante ed è eseguita da un cantante con voce intensa, poiché è utilizzata per ordinare qualcosa a qualcuno.

Aria di presentazione: La sua funzione è quella di far capire al pubblico il carattere e il ruolo del personaggio nella vicenda.

Aria come preghiera: Consiste in un'invocazione ad una divinità.

Aria di narrazione: Permette al pubblico di conoscere i fatti accaduti fuori dal palcoscenico, che sono importanti per la vicenda rappresentata.

Aria per coro: Esprime il pensiero della massa.

IL RECITATIVO e L'ARIOSO Sono modi particolari di cantare: l'ARIOSO è simile al recitativo, ma è una forma melodicamente più ricca, una via di mezzo tra il recitativo e l'aria.

Con il RECITATIVO (recitazione intonata) vengono riprodotte musicalmente le modulazioni di voce del linguaggio parlato. Esso segue fedelmente il libretto e può essere di due tipi:

1.SEMPLICE (o secco): il canto è accompagnato solo dal basso continuo oppure realizzato da strumenti a corde pizzicate, per esempio il clavicembalo.

2.ACCOMPAGNATO: (o OBBLIGATO): è sostenuto da più strumenti ed è strutturalmente più complesso.

BRANI CORALI: Il coro spesso commenta un'azione, ma può avere anche funzioni celebrative, di incitamento o di ambientazione.

BRANI d'INSIEME: In questi brani si assiste al dialogo e canto di due o più personaggi.

Sono di varia tipologia: DUETTI, TERZETTI, QUARTETTI… BRANI STRUMENTALI e COREOGRAFICI: I brani coreografici accompagnano una danza, quelli strumentali servono a staccare un atto da un altro o a eliminare l'eccessiva tensione creata da una scena molto lunga.